(al momento sospeso)


Svariate le possibilità di immersione: partiamo dalla Secca di Torre dell’Orto con profondità che variano dai 17 ai 40 mt. per accedere poi alle calette naturali con profondità entro i 20 mt., fino ad arrivare all’isolotto S. Paolo ove tutti e quattro i versanti offrono possibilità di svariate immersioni fino alla profondità massima di 25 mt., da qui puntando verso il largo alla profondità di 48 mt. giace il relitto Penelope, nave affondata nel 1942, mentre a 12 miglia da Polignano a Mare ci attende il relitto di Torre Canne, nave affondata nel 1994 ed ancora in perfetto assetto di navigazione e conservazione.


DOVE CI IMMERGIAMO

  • Torre Incine segna l'inizio del territorio di Polignano a Mare. Caratteristica caletta di pescatori e meta dinumerosi subacquei. Alla profondità di 14 mt. in prossimità dell'uscita della cala troviamo una Madonnina posta lì da un club di appassionati subacquei (immersione effettuabile senza ausilio del gommone)
  • Grotta dei Colombi  il crollo della parte centrale della volta ha creato un'arco naturale dando così la possibilità ad appassionati speleo-sub di unire queste due attività.
  • Portalga in questa piccola insenatura un meraviglioso mondo sommerso costituito da Axinelle, Gorgonie e Ippocampi alla profondità di  -20 mt. (immersione effettuabile senza ausilio del gommone)
  • Relitto "Penelope" nave affondata il 12/05/'43 da un sommergibile durante l'ultima guerra, la troviamo a largo dell'isolotto S. Paolo alla profondità di 48 mt. (attualmente interdetto da ordinanza cap. porto)
  • Isolotto S. Paolo meglio conosciuto come “Scoglio dell'Eremita”, sulla cui sommità vi sono le rovine di una cappella dedicata a S. Antonio Abbate (1612) adibita a lazzaretto durante il 1837. Tutti e quattro i versanti dell'isolotto danno la possibilità di svariate immersioni fino alla profondità di 25 mt.
  • Un passaggio sottomarino esiste nei pressi del Bastione S. Stefano, sbucando sulla Lama Monachile dov'era l'antico porto (Cala Porto), mentre il ponte costruito da re Murat (inizio XIX sec.) domina l'insenatura.
  • Cala Paura caratteristica insenatura naturale, meta di numerosi subacquei perché facilmente raggiungibile e dove a 12 mt. troviamo una grotticella di facile passaggio (immersione effettuabile senza ausilio del gommone)
  • Grotta di Cala Corvino con partenza alla profondità di  -17 mt. fino a  -30 mt.
  • Secca di Torre dell'Orto  per la sua vastità ci possiamo permettere di effettuare almeno 6 immersioni in punti sempre diversi, alle profondità che variano da 17 a 40 mt.
  • Relitto di Torre Canne alla profondità di mt. 39 giace una nave turca affondata nel 1994 probabilmente per il troppo peso (trasportava cavi di acciaio). Ancora in perfetto assetto di navigazione offre ai subacquei uno spettacolo indimenticabile



Alcune informazioni tecniche

  • Gommone lunghezza mt. 6,00 - larghezza mt, 2,60 – motore di 115 cv. con una portata massima di 14 persone, ma trattandosi di immersioni guidate massimo 6 subacquei (Ordinanza n. 17/2009 - Monopoli)
  • Profondità immersione Durante le immersioni bisogna rispettare i limiti di profondità imposti dal brevetto, in caso di gruppi composti da brevetti di diverso grado vige l'obbligo di rispettare il limite di profondità previsto dal grado inferiore (Ordinanza n. 17/2009 - Monopoli)
  • Brevetti E' necessario portare effettivamente il proprio brevetto (non si accettano autodichiarazioni). Senza il brevetto non si può accedere all’immersione.
  • Punto di partenza Uscita Monopoli Nord – “Rimessaggio H24” in Via Marina del Mondo
  • Zona risciacquo attrezzature e Zona relax con caffè, bibite fresche e snak
    SI (presso la sede di Polignano a Mare distante dall’imbarco km. 7)
  • Nitrox E’ possibile effettuare immersioni in nitrox (solo per già brevettati nitrox)

Powered by Puntocom 2016

Questo sito utilizza cookie di terze parti per migliorare la navigazione dell'utente La disattivazione dei cookie potrebbe pregiudicare il corretto funzionamento del sito. Per maggiori informazioni leggi l'informativa estesa.